la TCG da 12,91€ mensili

gov si parla spesso di quanto sia illegittima la famigerata tassa di concessione governativa, soprattutto nelle aziende di dimensioni importanti, dal momento che l’impresa è tenuta al pagamento mensile, per ogni cellulare in abbonamento, di 12,91 allo stato, senza apparentemente avere nulla in cambio, almeno dal mio punto di vista.

Si, perchè non dimentichiamoci che lo stato incassa già diversi milioni, anzi miliardi, di euro all’asta di assegnazione delle frequenze. Nell’ultima ad esempio, quella per le frequenze del 4g /LTE, lo stato prevedeva un incasso di 2,4 milioni di euro, e invece indovina quanto complessivamente gli operatori hanno sborsato?

3,9 miliardi di euro. Impressionante.

In cambio di cosa? Dell’installazione dei ripetitori? Della stesura della fibra per portare banda ai ripetitori e alle centrali? No.. la realizzazione dell’infrastruttura rimane a carico dei vari operatori che dovranno investire altre risorse per tutti i lavori.

Quindi ti stai chiedendo anche tu perchè dobbiamo regalare 12,91 € al mese allo stato, già che ci ha portato l’iva prima al 21%, poi al 22%. Ciliegina sulla torta, gli importi FCI (fuori campo iva) non sono nemmeno deducibili fiscalmente.

Una volta forse ci facevi anche poco caso, con i costi telefonici di alcuni anni fa, quando una bolletta arrivava anche a 200€ cosa erano mai nemmeno 13€. Ma la tecnologia avanza, i prezzi calano, e oggi con un profilo tutto illimitato da 29€, i 12,91€ diventano una parte importante del tuo conto telefonico.

Da qualche tempo gli operatori si sono attrezzati per evitare questo balzello, mantenendo sempre la comodità di un profilo che non ha bisogno di ricariche manuali dal tabaccaio o su internet, lasciandoti la libertà di stare tranquillo nelle tue comunicazioni aziendali e personali, diminuendo notevolmente la spesa ed avendo una qualità uguale all’abbonamento.

Varie associazioni di consumatori, perfino la cassazione hanno espresso pareri sull’illegittimità della TCG, ma nei meandri della giustizia italiana vai pure a fare ricorso e farti rimborsare quanto illegittimamente già sborsato.

Se anche tu ti sei stancato di regalare soldi in giro richiedimi una consulenza gratuita.

Scrivimi direttamente sulla mia email: a.rebizzani@rewindmail.it.

Ti aspetto!